Sono nato a Livorno il 30 novembre 1950. Faceva freddo alle 2 di quel mattino autunnale, ma io non me lo ricordo. Avevo solo voglia di uscire da un letargo durato nove mesi, e le pareti di quel luogo sicuro e silenzioso cominciavano ad andarmi strette con quei 4 chili addosso.

Mia sorella Nadia allora aveva 5 anni e non so se aspettava un fratellino con un sorriso di circostanza oppure era davvero felice. Forse meditava di uccidermi, di soffocarmi con un cuscino durante la notte, perché si sa, i fratelli piccoli prendono il posto degli altri più grandi, tutte le attenzioni sono per loro, e quindi la premeditazione di un fratricidio era del tutto legittima.

Però sono sopravvissuto. Evidentemente mia sorella non ha trovato né il coraggio né il momento buono per farmi fuori.

Porca miseria! Ho già 6 anni e mi tocca andare a scuola! Si stava così bene a giocare e a non preoccuparsi di quelle maestre e di quei maestri che ai miei tempi erano molto diversi da quelli di oggi. Seri, distaccati, severi. Davamo loro del lei, ci alzavamo in piedi quando entravano in classe e non c'era mai un vero contatto umano. Rari i sorrisi, rarissime le confidenze.

Mi ero già rotto le scatole dopo il primo anno delle Elementari, ma non potevo abbandonare la scuola. Così, lentamente e noiosamente, si arriva alle Medie.

Che palle!

Si arriva alle superiori. Istituto Tecnico Industriale.

Dico io! Cosa me ne fregava a me di diventare perito meccanico solo Dio lo sa! Scelta insana quella! Io sono un musicista, uno scrittore, uno sceneggiatore, chi me lo ha fatto fare di andare a una scuola come quella! Oggi so che dovevo fare il Liceo Artistico, o il Classico! Pazienza... tanto indietro non si può tornare.

In poche parole:

A 14 anni inizio a suonare la batteria.

Il mio primo gruppo musicale si chiama "I Pionieri".

A 18 anni entro a far parte di un quintetto di professionisti.

A 20 anni me ne vado negli States a suonare sull'Island Venture, una nave da crociera che mi farà girare mezzo mondo.

Mi sposo con Char e nasce Shaun.

Cinque anni negli States: a Los Angeles, Miami e New York.

Divorzio e torno in Italia.

Siamo nel lontano 1976.

Roma. Ecco la città che mi accoglie al rientro.

Sono un buon batterista adesso. Entro all'Rca e i Pandemonium mi accolgono nel gruppo.

1979. Festival di Sanremo. Partecipo con questo gruppo all'avanguardia con "Tu fai schifo sempre". Le radio trasmettono la canzone ogni giorno, ogni minuto. Per le dediche. :-)

L'Orchestra Cinefonica di Roma intuisce che c'è un batterista niente male in giro e inizio a suonare con loro le mie prime colonne sonore. Grandi compositori quando m'imbatto in questa avventura.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now